Nel suono il senso

Sei docente? Accesso gratuito >

Scarica la Relazione di adozione »

 

 

 

320+448 pagine

Due volumi indivisibili: TEORIA (p. 320 a colori) + ESERCIZI (p. 448 bn)

ISBN/id: 9788852604836
Formato: 19×26 cm

Prezzo: 26,90 euro

Grammatica della lingua italiana ad uso scolastico NUOVA EDIZIONE

Due tomi indivisibili: TEORIA + ESERCIZI

Richiedi la copia saggio >
Sfoglia tre capitoli >
Leggi l’intervista all’autrice Raffaela Paggi >
Scarica la relazione di adozione>

Nel suono il senso

Le parole che diciamo sono suoni, cioè onde che si propagano nell’aria e si trasmettono agli organi sensibili dell’orecchio. Dobbiamo ammettere però che nella sonorità della parola è presente qualcosa di più della sua componente fisica: un testo porta infatti con sé un messaggio, un senso.

Che cosa permetta a dei suoni di veicolare un senso è in parte comprensibile, in parte misterioso, come succede nella musica: “Per comporre musica, il compositore sceglie un certo numero di elementi, i suoni, e li allinea in una sequenza che si svolgerà nel tempo. Se i suoni sono stati scelti a caso, se non c’è alcuna relazione fra ciò che precede e ciò che segue si avrà del rumore. Se, invece, i suoni sono concatenati secondo un certo ordine, si ha della musica. Esiste un numero infinito di modi di fare del rumore, ma un numero molto più ristretto di modi di fare della musica” (Hubert Reeves, L’evoluzione cosmica).

Una sinfonia si distingue dal rumore perché i suoni si accordano tra loro, così un testo si costruisce combinando le parole, non a caso, ma nel rispetto di certe regole. La libertà e la creatività del parlante devono cioè fare i conti con le istruzioni, suggerite dalla lingua stessa, per l’uso delle parole.

Offrire un metodo per scoprire quali siano tali regole combinatorie e per quali ragioni esistano è lo scopo di questo libro. Una conoscenza sicura e approfondita delle dinamiche della lingua è infatti il segreto per utilizzarla con consapevolezza, per comprendere pienamente i testi altrui, per adeguare il proprio dire alle proprie intenzioni comunicative, che sono sempre nuove perché sempre nuove sono le esperienze, le riflessioni, le scoperte che facciamo e sempre diverse le persone con cui desideriamo condividerle.

Sfoglia in anteprima i primi tre capitoli.

Attenzione il caricamento potrebbe richiedere qualche secondo.

Il volume di teoria

Per addentrarsi nello studio della lingua, il libro propone innanzitutto di riflettere sulla comunicazione verbale: perché l’uomo parla, quali sono i fattori in gioco in tale azione, quali caratteristiche ha il segno linguistico di cui i parlanti si servono per comunicare, come lo si interpreta, come la comunicazione mette in relazione gli uomini, sono le principali questioni affrontate nella unità 1.

Le unità 2 e 3 trattano della frase, unione significativa di parole che si forma intorno all’intreccio tra nome e verbo, nucleo di ogni nostro messaggio. Ogni frase nasce infatti dall’intenzione di sottoporre all’attenzione dell’interlocutore un soggetto di cui si ha intenzione di dire qualcosa di nuovo, cioè di predicare. E ogni frase esprime una certa direzione di lettura sulla realtà che attesta: attiva, passiva, riflessiva, come studierai nell’unità 6.

Nelle unità 4, 5 e 7 sono presentate le combinazioni ammesse dalla lingua italiana per costruire le frasi: il sintagma nominale, insieme di parole costruite intorno a un nome; il sintagma verbale, che ha per nucleo un verbo; il sintagma preposizionale, combinazione di parole introdotta da una preposizione. Di ogni tipo di sintagma si indagano le caratteristiche delle parti del discorso che lo compongono e le funzioni logiche che può svolgere nella frase.

L’unità 8 presenta una parte del discorso molto particolare, l’avverbio, che può far parte di uno dei sintagmi sopra elencati, o svolgere il suo compito in autonomia.
Come le parole si combinano per formare dei sintagmi, così le frasi si combinano tra loro per costruire i periodi: questo l’argomento dell’unità 9. Mentre nell’unità 10, scoprirai le modalità con cui i periodi si legano per costituire dei veri e propri testi.

In fondo al volume si trovano alcuni prontuari, ovverosia capitoli che puoi consultare per sciogliere i dubbi sulle questioni ortografiche, sulla classificazione delle parti del discorso e sul sistema dei tempi verbali.
Ogni capitolo è aperto da una citazione e da una foto d’autore per introdurre in modo evocativo il tema in esso trattato.

In ogni unità troverai dei box dedicati ad approfondire alcune tematiche, a suggerire trucchi del mestiere per aiutarti nell’indagine linguistica, a conoscere le etimologie delle parole appartenenti al lessico specifico della grammatica e dei rimandi alle questioni di lessico, che si trovano in coda all’unità. È infatti importante per conoscere la lingua non solo comprendere le leggi combinatorie delle parole, ma anche riflettere sul loro significato, sui rapporti che intrattengono tra loro, sulla loro evoluzione, su come ne nascono di nuove.

L’eserciziario

Il volume dedicato agli esercizi si articola in unità, seguendo l’ordine in cui gli argomenti sono presentati nella teoria.

Dall’unità 2 all’unità 9, oltre agli esercizi in itinere, vi sono anche gli esercizi di ricapitolazione che servono per ripassare la teoria, verificare la comprensione dei contenuti dell’intera unità e metterti alla prova in esercizi di scrittura, di argomentazione e in alcuni casi anche di gioco con le parole.

In fondo all’eserciziario si trovano due capitoli di esercizi dedicati al consolidamento della conoscenze delle forme verbali e dell’ortografia, e da ultimo un laboratorio di scrittura, che fornisce suggerimenti e attività per imparare a produrre alcuni tipi di testo (riassunto, descrizione, racconto, tema).
Anche nell’eserciziario troverai dei box dedicati ai trucchi del mestiere.

Formato digitale

Per chi adotta la grammatica sarà possibile l’accesso a contenuti digitali integrativi attualmente in preparazione, dedicati ai docenti, quali video esemplificativi di lezioni, modelli di verifiche, lavori effettivamente svolti nelle classi che i docenti desiderano condividere con i colleghi, materiale per approfondire la teoria di riferimento nell’ottica di un auto-aggiornamento dei docenti, e agli studenti, quali ulteriori esercizi, link a siti che offrono esercizi interessanti, mappe concettuali illustrate.

Per richiedere la copia saggio compila il modulo

 
 
 
 
 
Selezionando "Acconsento" esprimo il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali da parte di Itaca in accordo con l’Informativa sulla privacy e accetto, avendole lette, la privacy policy, la pagina copyright e i termini di servizio.